Polemica per il video del 2008 della Meloni a Via Acca Larentia col neofascista Castellino [VIDEO]

Spunta un video del 2008 della Premier Meloni a Via Acca Larentia a Roma accanto al neofascista Castellino ed e’ subito polemica con le opposizioni che attaccano:”Mai preso le distanze dal fascismo”.

Nelle immagini si vede Giorgia Meloni, accompagnata dal neofascista di Forza Nuova Giuliano Castellino, mentre da ministro del Turismo il 7 gennaio 2008 visita la sede del Msi di Via Acca Larentia sotto la bandiera nera con la croce celtica, simbolo del neofascismo.

Il 7 gennaio del 1978 a Roma vengono uccisi in un agguato due attivisti del Fronte della Gioventù mentre un terzo, qualche ora più tardi, morira’ durante gli scontri con le forze dell’ordine scoppiati durante la veemente protesta.

Si tratta della “Strage di Acca Larentia”, dal nome della via romana dove si trovava la sede del Movimento Sociale Italiano e davanti alla quale morirono i tre giovani.

L’attacco di Elly Schlein non si e’ fatto attendere. La Segretaria del Partito Democratico ha voluto esprimere alla Camera il suo dissenso, attaccando duramente la Premier Meloni: «c’è una grande ambiguità della destra che non riesce a scindere il cordone ombelicale col passato. Abbiamo sentito il presidente del Senato che tenta di legalizzare il saluto romano e questo e’ un insulto alla resistenza».

«Il valore dell’antifascismo deve essere condiviso in Parlamento. Ma nel 2008 Meloni era ad Acca Larentia con Rampelli e Castellino. E’ doveroso per Meloni prendere le distanze e condannare l’accaduto altrimenti è ostaggio del passato e non è accettabile per l`incarico che ricopre».

La risposta della Premier Giorgia Meloni arriva attraverso un post sui suoi social network in cui pero’ non prende posizione.

“Agli attacchi gratuiti e alle polemiche strumentali degli ultimi giorni da parte di certa opposizione, questo governo continua a rispondere con fatti e risultati. Soddisfatta in particolar modo delle ultime rilevazioni Istat che certificano i segnali positivi in tema di lavoro, con la disoccupazione che scende e l’occupazione che in un anno è aumentata di oltre 500mila unità. Dati incoraggianti che ci spingono a fare sempre meglio, con politiche concrete per tagliare le tasse ai lavoratori, aiutare chi produce ricchezza e chi crea occupazione. Per un’Italia che riparte dal merito e dalla crescita”.

Queste le parole della leader di Fratelli d’Italia e attuale Premier italiana che svia in “bello stile” dagli attacchi trasversali in Parlamento

La redazione

Seguici sui nostri canali social da qui:

Puoi condividere qui l'articolo