La Virtus Bologna fa paura: Travolge Brescia e vince la Supercoppa!

A una settimana dalla presentazione ufficiale di Luca Banchi sulla panchina della Virtus, i bolognesi asfaltano i padroni di casa della Germani Brescia e si aggiudicano la Supercoppa italiana, il primo trofeo della stagione.

I bresciani sognavano di ripetere l’exploit della finale di Coppa Italia, vinta proprio contro Belinelli e compagni, ma si sono dovuti arrendere allo strapotere degli avversari.

Una finale senza storia, stravinta per 97-60 dalle V nere, aperta da un 10-0 iniziale e rifinita con un parziale di 27-0 nel secondo tempo, dopo che i bresciani avevano provato a rientrare fino al -8 al 18’. Praticamente 40’ di garbage time. MVP della competizione Toko Shengelia (15 punti e 12 rimbalzi per lui) ma tutto il roster della Virtus ha portato mattoncini per costruire questo successo.

La “vera” finale in realtà si è giocata il giorno prima, sabato, tra Bologna e Olimpia Milano.

L’ennesima riedizione delle finali scudetto degli ultimi 3 anni è andata ai felsinei, con una partita come al solito poco spettacolare ma molto combattuta e ricca di capovolgimenti.

Dopo un avvio con le polveri bagnate su entrambi i fronti, Milano va a +5 grazie a un parziale di 10-0, che però Bologna contiene subito. In avvio di ripresa il +11 delle V nere sembra decisivo, ma Mirotic e Shields riescono a ricucire fino al sorpasso, 69-68 al 37’.

A quel punto una tripla del Beli spacca la partita, poi Mickey mette al sicuro il risultato.

Un successo per certi versi inaspettato, viste le premesse della vigilia: il mercato faraonico del club di Armani, le vicissitudini in casa Virtus con l’improvviso esonero di Scariolo e l’ambiente bolognese che sembrava quasi depresso e rassegnato a una stagione di transizione.

Evidentemente così non è, il rapporto con l’ex tecnico era ormai logoro, e il cambio in panchina con un eccellente coach come Banchi, reduce da un grande Mondiale sulla panchina della Lettonia, potrà sicuramente alimentare le speranze dei tifosi virtussini

Diego De Mattia

Seguici sui social da qui:

Puoi condividere qui l'articolo